Concessioni cimiteriali in scadenza nel 2021: il Comune emana avviso per il rinnovo. Assessore Campi: “Per il pregresso, ereditato da anni di non programmazione, stiamo predisponendo un atto ad hoc che possa sanare e mettere a sistema il servizio”

SARZANA 17.02.21_ Sono circa un centinaio le famiglie interessate dall’avviso pubblicato dal servizio patrimonio e demanio comunale relativo alla scadenza delle concessioni cimiteriali nel periodo ricompreso tra il 1 marzo e il 31 dicembre 2021. Nel corso dell'anno corrente sono infatti in scadenza le concessioni cinquantennali stipulate nell'anno 1971, le concessioni trentennali stipulate nell'anno 1991 e le concessioni venticinquennali stipulate nell'anno 1996. L’ente ha deciso, finalmente, di individuare un iter chiaro e trasparente per procedere all’eventuale rinnovo della concessione per ulteriori 20 anni in conformità a quanto previsto dal “Regolamento comunale di polizia mortuaria” il quale stabilisce che “Le concessioni possono essere rinnovate, una sola volta, alla scadenza, previo pagamento del corrispettivo di cui alla tariffa e alle condizioni di durata di cui al regolamento vigente al momento del rinnovo”, previa richiesta dei familiari del defunto. “Rilevato che il servizio cimiteriale, oltre a costituire un servizio pubblico essenziale, riveste un particolare significato etico e religioso nella tradizione delle popolazioni locali, legato al culto dei morti e al sentimento verso i propri familiari defunti, aspetto culturale su cui questa Amministrazione comunale intende prestare particolare attenzione – si legge nell’atto a firma del dirigente al settore Giuliano Caso –. Considerato che questa Amministrazione comunale, in forza dei principi sopra espressi, intende garantire una continuità di affetti e permettere il compimento degli atti di pietas verso il caro estinto, diritto tutelato non solo dal vigente ordinamento normativo, ma parimenti dai principi del diritto naturale” . “Come abbiamo già avuto modo di precisare – spiega l’assessore ai servizi cimiterali Barbara Campi – l’attuale Amministrazione sarzanese è ben consapevole della questione legata al rinnovo delle concessioni cimiteriali. Una questione, purtroppo e ancora una volta, determinata dalla mancanza di un’adeguata programmazione del passato che ci ha posti di fronte oggi alla mancanza di spazi e alla necessità di gestire centinaia di concessioni scadute da anni. Per questo, oltre a procedere con un iter chiaro al rinnovo delle concessioni in scadenza quest’anno, stiamo predisponendo atto ad hoc che porteremo all’attenzione del Consiglio comunale per valutare la possibilità di sanare le decine e decine di concessioni scadute nel passato e che oggi ci troviamo a gestire: una volta per tutte dobbiamo mettere a sistema un servizio tanto importante e attenzionato dai cittadini”. L’assessore ribadisce che “ad oggi il Comune non ha mai proceduto ad alcuna estumulazione senza aver contattato e informato le famiglie interessate, con i metodi previsti dalla legge e informalmente, anche se la serietà del tema impone metodi seri e un sistema chiaro e trasparente. Da tempo stiamo lavorando, per risolvere i problemi annosi di mancanza di programmazione, a un piano di riorganizzazione e di riqualificazione degli spazi cimiteriali e per dare – a differenza di quanto avvenuto fino a oggi – risposte adeguate alle giuste rivendicazioni dei cittadini”. L’avviso pubblico sarà affisso nel cimitero urbano – soprattutto in corrispondenza dei blocchi di loculi interessati alle scadenze – e sarà consultabile sulla home page del sito del comune www.comunesarzana.gov.it dove, nella sezione servizi al cittadino, è stata inserita una pagina dedicata alle concessioni cimiteriali. I cittadini interessati al rinnovo potranno rivolgersi all’URP – Ufficio Relazioni con il Pubblico, per iniziare l’iter procedurale. “Per i cittadini che non risponderanno all’avviso, nei limiti delle informazioni in possesso del Comune e di quelle normalmente reperibili per le vie ordinarie – conclude l’assessore Campi – gli uffici contatteranno i familiari del defunto per informarli al riguardo prima dell’avvio della procedura di estumulazione”.