Coronavirus/ Nuova campagna informativa: ecco il VADEMECUM sui comportamenti da tenersi ai sensi del DPCM 09 marzo

SARZANA 11.03.202_  Il Comune di Sarzana ha lanciato una nuova campagna informativa sul Decreto del Presidente del Consiglio del 9 marzo che estende su tutto il territorio nazionale le misure della precedente “zona rossa” varate con il DPCM dell'8 marzo 2020.
Sotto le domande e le risposte del  VADEMECUM  dell’Amministrazione  sarzanese che, riprendendo quello già proposto dalla Presidenza del Consiglio, ha l’obiettivo di dare risposta alle domande più frequenti dei cittadini
Il vademecum è integrato con le disposizioni dell'ordinanza odierna del sindaco n. 46.2020 che chiarisce e integra il DPCM e viene pubblicato sul web site dell’ente oltre a essere consultabile nell’infografica dedicata sui social dell'Amministrazione sarzanese, “Città di Sarzana” su Facebook e Instagram.

Quale distanza devo tenere dalle altre persone?
Almeno un metro, ed evita se possibile la compresenza di più persone in spazi chiusi

Se ho la febbre?
Sopra i 37.5 C° contatta telefonicamente il medico di base, resta in casa e NON andare al pronto soccorso.

Se sono soggetto a quarantena o positivo al virus?
Divieto assoluto di qualsiasi spostamento, resta in contatto con il 112 e con le autorità sanitarie segnalando immediatamente se i tuoi sintomi si aggravano.

Posso uscire di casa?
BISOGNA STARE A CASA. Si può uscire per andare al lavoro o per ragioni di salute o per altre necessità quali, per esempio, l’acquisto di beni essenziali. Ricorda di portare sempre con te il modulo di autocertificazione compilato, che puoi scaricare dal sito www.comunesarzana.gov.it.

Posso muovermi per motivi di salute?
Sì, sempre.Posso spostarmi per lavoro, anche in un altro comune?
Sì, gli spostamenti per motivi lavorativi sono consentiti, ma porta sempre con te l’autocertificazione.

Per quali altre situazioni di necessità posso muovermi?
Assistenza agli anziani, per esempio. Questa è una condizione di necessità. Ricorda però che gli anziani sono le persone più a rischio, quindi cerca di proteggerle dal contagio il più possibile.

Chi deve assolutamente stare in casa, senza muoversi neppure per necessità?
Anziani, persone immunodepresse o persone in condizioni di fragilità. Se ti trovi in queste condizioni e non hai un supporto famigliare contatta il comune dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 12:00, ai numeri 0187/614300, 0187/614315 e 0187/614369 per ricevere assistenza.

Posso andare a mangiare da parenti?
NON è uno spostamento necessario. La logica del decreto è quella di restare nella propria abitazione per evitare che il contagio epidemiologico si diffonda.

Riunioni, eventi o manifestazioni di qualsiasi tipo?
Sono sospesi, di qualsiasi tipo e compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico. Le riunioni possono essere svolte in modalità telematica (Skype).

Cosa rischio se non rispetto queste indicazioni?
Commetti un reato e rischi l’arresto fino a 3 mesi o un’ammenda fino a 206 euro, salvo il fatto che il fatto costituisca un reato più grave.

Si svolgeranno messe, matrimoni, funerali o altre cerimonie civili o religiose?
NO, sono sospese.

Cinema, Teatri, Musei, Biblioteche, Pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse, sale bingo e discoteche?
In questi luoghi è sospesa ogni attività.

Ristoranti, Bar e gelaterie, possono rimanere aperti?
Sì, dalle ore 6.00 alle ore 18.00 nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro fra i clienti, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione.

I negozi di vicinato restano aperti?
SI, ma i commercianti sono tenuti a stabilire un numero massimo di persone che frequenti l’esercizio garantendo la distanza di un metro gli uni dagli altri con modalità contingentate di ingresso. Restano chiusi i negozi che NON possono far rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro.

Medie e grandi superfici di vendita, inclusi i centri commerciali?
Sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi, compresi gli esercizi all’interno dei centri commerciali tranne i punti vendita alimentari, farmacie e parafarmacie. Nei giorni feriali anche i centri commerciali dovranno garantire il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

Farmacie e Parafarmacie?
Aperte normalmente

Il mercato del giovedì?
Sospeso, tranne che per la vendita di beni alimentari.

Asili, scuole e Università?
Chiuse fino al 3 Aprile.

Uffici Comunali?
Puoi contattare telefonicamente e online gli uffici per ricevere assistenza e servizi a distanza o, per questioni urgenti e indifferebili, in modo frontale dietro fissazione di apposito appuntamento.

Eventuali concorsi pubblici saranno svolti?
NO, è tutto sospeso fino al 3 aprile prossimo.

I corrieri merci possono circolare?
Sì, possono circolare e puoi richiedere la consegna della spesa a domicilio a chi offre questo servizio.

Se ho un dubbio, una richiesta di chiarimenti o altre necessità?
Per dubbi di carattere sanitario puoi chiamare il 112 o il 1500 (numero nazionale dedicato all'emergenza Coronavirus). Per informazioni di qualsiasi altra natura del Comune puoi chiamare l'URP al 0187/614300, 0187/614315 e 0187/614369.